DOAC for Cerebral Venous Thrombosis?


La trombosi del seno cerebrale rappresenta lo 0.5% degli ictus cerebrali, con tasso di recidiva dell’1.5%.

Per promuovere la ricanalizzazione e prevenire la re-trombosi è indicata la terapia anticoagulante.

Attualmente il trattamento di prima linea è con EBPM e successivamente con warfarin.

Questa revisione sistematica e metanalisi ha valutato l’efficacia e la sicurezza della trombosi venosa cerebrale con DOAC su circa 400 pazienti (quattro studi retrospettivi, uno studio prospettico e 1 studio clinico randomizzato )

Non sono state rilevate differenze significative tra DOAC e warfarin per quanto riguarda la recidiva trombotica, né la ricanalizzazione dei seni cerebrali.

Gli eventi emorragici nei due gruppi erano relativamente bassi (2.6% in DOAC e 3.6% in warfarin), senza differenze significative tra i due trattamenti.

In totale, il 78,4% (109/139) dei pazienti nel gruppo DOAC e il 70,0% (105/150) dei pazienti nel gruppo VKA hanno ottenuto ottimo out-come clinico con recupero funzionale ,senza differenze staticamente significative tra i due gruppi.

Due su sei studi hanno confrontato il dabigatran contro warfarin, ottenendo risultati simili su sanguinamento, recidive trombotiche ed outcome cliniche.

E’ stata osservata anche una tendenza alla riduzione degli eventi emorragici con i DOAC.

Gli studi in merito presentano numeri piccoli, legati alla rarità della patologia e alla bassa mortalità e sono in corso due RCT in merito con rivaroxaban che dovrebbero darci evidenze più forti.



Li H, Yao M, Liao S, Chen J, Yu J.

Comparison of Novel Oral Anticoagulants and Vitamin K Antagonists in Patients With Cerebral Venous Sinus Thrombosis on Efficacy and Safety: A Systematic Review.

Front Neurol. 2020 Dec 10;11:597623.


www.diegotonello.com


26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti