Nuove LG ESC 2020 sulla FA: l'ABC per diventare vecchi, saggi, felici e arrangiarsi ancora un po'.


Le LG sulla fibrillazione atriale (FA) di quest'anno mi piacciono, hanno un'attenzione particolare al paziente: un richiamo ad interessarsi della felicità del proprio assistito. Perché "sentirsi bene", mantenere una mente lucida ed essere autonomi è quello che desideriamo per la godere la nostra pensione.



Ecco questi spaventosi numeri per noi europei:

-Uno su tre svilupperà una FA nella sua vita

-FA aumenta il rischio di morte (x2 nelle donne, x1.5 negli uomini)

-Chi ha una FA viene ricoverato nella sua vita il doppio rispetto ai coetanei senza FA.

-La qualità di vita è decurtata dalla presenza di FA (cardiopalmo, dispnea, astenia, insonnia), il 20% soffre di depressione, il rischio di demenza aumenta del 50%.

L'ABC per fare la differenza:


A (Anticoagulation/Avoid Stroke), tranne per i "basso rischio"

B (Better sintoms control) con farmaci e/o ablazione

C (Cardiovascular risk factors and concomitant diseases): abbassa la pressione arteriosa, abolisci il fumo, cala di peso, bevi meno alcolici e muoviti di più.

Discuti il programma con il tuo paziente e proponi un programma di follow up che tenga conto anche della sua qualità di vita, e di un buon mantenimento delle performance fisica e psichica, ma ricordati che l'obiettivo principe è evitare lo stroke.

Mind the false friends...

Le donne sono più a rischio di sviluppare FA in particolare in gravidanza, se hanno difetti cardiaci e in età avanzata.

Chi ha uno stile di vita malsano ha un rischio maggiore di FA, ma non farti ingannare dagli atleti, in particolare quelli che fanno sport di resistenza (corsa, ciclismo, sci da fondo): hanno un rischio di FA 5 volte superiore alla popolazione generale.

Lo screening con app e smartphone, anche se idealmente utile, non è ancora clinicamente convalidato.

10 item da portare da portare a casa da queste LG

1. Distinguiamo una FA clinica (confermata da un ECG, anche se asintomatico), da una FA subclinica (episodio di alta frequenza atriale all'ECG sempre asintomatica). Di questa seconda condizione abbiamo pochi dati sulla gestione ottimale.

2. Facciamo uno screening con ECG alla ricerca di FA in tutti gli ipertesi di età ≥65 anni e nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno.  Lo screening con ECG è consigliato comunque in tutti i pazienti di età ≥75 anni o in quelli ad alto rischio di ictus.

3. La diagnosi di FA deve essere strutturata: rischio di ictus, gravità dei sintomi, burden di FA e la valutazione del substrato della FA. Gli esiti vanno centrati sul singolo paziente.

4. Usiamo il CHA 2 DS 2 -VASc per identificare i pazienti a "basso rischio" (0 negli uomini o 1 nelle donne), a cui non deve essere offerta la terapia anticoagulante orale. La sola terapia antipiastrinica non è raccomandata per la prevenzione dell'ictus nella FA (Classe III). 

5. Valutiamo il rischio di sanguinamento con l'HAS-BLED per identificare i pazienti ad alto rischio di sanguinamento che dovrebbero avere follow-up clinico più frequente (ma non facciamo limitare, sono più gli stroke ischemici che quelli emorragici!)

6. Usa un DOAC, a meno di valvole cardiache meccaniche o stenosi mitralica moderata-grave). Se il paziente è sottoposto a PTCA per SCA, prosegui con DOAC + clopidogrel per 12 mesi (se PTCA molto a rischio di trombosi dello stent aggiungi anche ASA per un mese)

7. Per episodio di FA post chirurgia non cardiaca, considera la terapia anticoagulante a lungo termine se rapporto rischio/beneficio favorevole. Svantaggioso usare un beta bloccante come profilassi pre-intervento (classe III)

8. Mantieni la frequenza <110 bpm per migliorare i sintomi correlati alla FA e la qualità di vita del paziente. L'ablazione transcatetere è un'alternativa consolidata, sicura e superiore ai farmaci antiaritmici per il mantenimento del ritmo sinusale.

9. Considera sempre l'ablazione nei pazienti con cardiomiopatia indotta da tachicardia: inverte la disfunzione ventricolare sinistra nella maggior parte dei casi

10. L'obesità e l'apnea ostruttiva del sonno sono i principali fattori di rischio per la FA. Programmi aggressivi di riduzione dei fattori di rischio incentrati su gestione del peso, iperlipidemia, apnea ostruttiva del sonno, ipertensione, diabete, smettere di fumare e riduzione dell'assunzione di alcol hanno ridotto significativamente il carico di FA dopo l'ablazione.

Qui sotto il link per scaricare e condividere le LG ESC (full test free).


A presto!


Gerhard Hindricks, Tatjana Potpara et al. ESC Scientific Document Group, 2020 ESC Guidelines for the diagnosis and management of atrial fibrillation developed in collaboration with the European Association of Cardio-Thoracic Surgery (EACTS): The Task Force for the diagnosis and management of atrial fibrillation of the European Society of Cardiology (ESC) Developed with the special contribution of the European Heart Rhythm Association (EHRA) of the ESC, European Heart Journal, , ehaa612, https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehaa612


www.diegotonello.com

109 visualizzazioni0 commenti